Passa ai contenuti principali

Omaggio a...Eugenio Montale

REALISMO NON MAGICO

da Satura II


Che cos'è la realtà

il grattacielo o il formichiere
il Logo o lo sbadiglio
l'influenza febbrile
o la fabbrile o quella
del psicagogo

Che cosa resta incrostato
nel cavo della memoria

la cresima, la bocciatura,
il primo figlio ( non ne ho ),
le prime botte prese
o date,
il primo giorno ( quale? ),
le nozze, i funerali,
la prima multa, la prima
grossa impostura,
la sveglia da cinque lire
a suoneria
o l'altra col ghirigoro dell'usignolo,
la banda dell'Acquasola,
la Pira (La) non accesa ma a bagnomaria
tra le dolci sorelle
dell'Istituto di Radiologia,
le visite e la morte della zia
di Pietrasanta
e tanta
e tanta e troppa roba, non so quale

Che cosa di noi resta
agli altri
(nulla di nulla all'Altro)
quando avremo dimesso
noi stessi
e non penseremo ai pensieri
che abbiamo avuto perchè
non lo permetterà
Chi potrà o non potrà,
questo non posso dirlo.

Ed è l'impaccio,
la sola obiezione che si fa
a chi vorrebbe abbattere il feticcio
dell'Inutilità.

Commenti

  1. il realismo magico è una corrente pittorica,con implicazioni letterarie che si fonda sull'inserzione di elementi magico-allusivi in contesti realisticamente connotati.Nella poesia Montale più che polemizzare apertamente col realismo magico sfrutta la definizione per delineare una propria concezione della realtà,privata di qualsiasi forma di metafisica ed ironicamente colta nei suoi aspetti più prosaici o più concretamente riconducibili ad una esperienza memoriale realisticamente fondata;in quest'ottica i ricordi 'incrostati nel cavo della memoria', sono quelli più insignificanti e non descrivono una parabola magica dell'esistenza umana , anzi al contrario ne sottolineano i momenti più canonici e più ritualistici configurandosi come veri e propri momenti di passaggio nella scansione della società di massa.Gli stessi impianti teoretici dell'uomo diventano semplici pensieri che si dismetteranno senza permeare di se l'Altro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …