domenica 5 luglio 2009

Smarrimento.

Smarrimento.
Per trovare la retta via, Dante deve perdersi nella selva oscura,
perdere ogni speranza di salvezza e prendere coscienza della
sua inettitudine ad affrontare le fiere solo con l'aiuto della ragione.

Deve intraprendere un lungo percorso attraverso
i regni ultraterreni,conoscere e apprendere il peccato
dell'umanità e confrontarsi con esso, affrontando momenti
di difficoltà e riflessione.

Il sistema metaforico della Commedia è interessantissimo.
Per esempio, la metafora dell'acqua è presente trasversalmente
in tutte le tre cantiche. Dante passa dall'essere un naufrago
nel mare agitato e mortale dell'esistenza a grande nocchiero
che approda con la sua esperienza poetica al limine estremo
della visione divina.
Il mare, inoltre, ostacola e inghiotte la nave di Ulisse.
Il suo ardore di conoscenza è punito da Dio perchè valica il
confine imposto all'uomo, le Colonne d'Ercole.

Dante affronta un grande cambiamento spirituale, una grande crescita interiore.
Non solo dal punto di vista narrativo, ma anche biografico.
L'esperienza del viaggio vissuta dal personaggio coincide
con l'innalzamento poetico dello scrittore.
Dante si fa portatore di un nuovo sistema di valori,
di un nuovo modo di esprimere la realtà
e di un grande sincretismo di importanti tradizioni.

Lo smarrimento dantesco fa riflettere in profondità.
La perdita di valori positivi in un uomo è un fatto fondamentale
nell' esperienza terrena. La metà del cammino è un crocevia che disorienta.
La selva è un luogo orribile, buio, pauroso.
La perdita è un male fisico e morale.
E' un intricato sistema di dubbi e incertezze, propositi e immediati
ripensamenti. La volontà è impotente anche di fronte
all'eccezionale proposta di apprendere un percorso salvifico.

Solo la notizia dell'intercessione delle tre donne benedette
presso Dio in favore della sua salvezza, rinfranca Dante.
Egli prima non si sente all'altezza della missione ultraterrena,
perchè non conosce la sua grandezza.

Tutto il viaggio dà modo al lettore di confrontare
la propria esperienza con quella di Dante e dei personaggi.
La Commedia si rivolge ad un pubblico universale,
senza rivolgersi a schiere elitarie di lettori.
Il progetto di Dante scrittore è quello di scrivere un'opera
che parli a tutti senza limiti di tempo e spazio.

La Divina Commedia è un'opera molto complessa.
La difficoltà strutturale e tematica cerca di ordinare il
mondo secondo prospettive e concezioni di grande
portata linguistico-letteraria, storica, filosofica, teologica.

Affrontare un percorso di salvezza è un impegno
etico e morale per l'uomo.
Lo smarrimento è un evento fondamentale per
comprendere l'importanza delle cose buone e delle
cose non buone di sè stessi, degli altri e del mondo intero.
La spiritualità è un campo esistenziale che occorre
non tralasciare se si crede possa essere bacino di
energie positive utili a vivere nella felicità.
E' nel viaggio che si conosce e si apprende, anche grazie
alla fondamentale presenza di guide che
aiutino a oltrepassare i propri limiti e le proprie viltà.



Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates