Passa ai contenuti principali

La lunga strada di sabbia.

Oggi ero in biblioteca a cercare materiale bibliografico.
Nell'universo cartaceo da me esplorato, in quella solitudine
da vecchio frate del Nome della rosa, ho scovato
un bellissimo libro: La lunga strada di sabbia.
Si tratta di un reportage che Pier Paolo Pasolini svolse
nel 1959 per la rivista Successo. Attraversando l'Italia
su una Fiat Millecento, lo scrittore descrive le coste
italiane e le città incontrate nel suo viaggio, partendo
da Genova, passando per la Sicilia, risalendo per la
tutta la costa adriatica fino all'estremo: Venezia e Trieste.
Il servizio fu pubblicato in 3 parti.

Nel 2005 il fotografo Philippe Séclier decide di raccogliere
i dattiloscritti originali dell'autore e ristampare
unite le tre parti del reportage in un libro.
L'eccezionalità e la pregevolezza di
questa inedita edizione è corredata
con foto in bianco e nero scattate da Sèclier, seguendo
lo stesso itinerario scelto allora da Pasolini.

Il risultato è un libro di ottima fattura,
scorrevole e piacevole. Il testo giornalistico
di Pasolini è interessante perchè descrive le località
di vacanza più frequentate dagli italiani nel dopoguerra.
Il suo occhio critico s'insinua con quella sensibilità
poetica che pochi possono vantare, nelle particolarità
della nostra civiltà mediterranea, cogliendo interessanti
aspetti sociologici della popolazione.
Alcune riflessioni dello scrittore possiedono
un carattere diaristico,perciò sono gradevoli testimonianze
della sua intima personalità.
Le foto di Sèclier poi instaurano un dialogo tra passato e
presente, tra testo e immagine.
Scattate ai nostri giorni, rievocano le immagini viste
allora dal giovane Pasolini, quasi a sostenere
una certa continuità con quell'Italia di juke-box, ombrelloni,
lidi, spiagge, cabine, costumi da bagno ascellari, pattìni
e rotonde sul mare...Insomma, i mitici anni '60!














Foto P.Sèclier

Ho copiato un brano che mi ha colpito e lo riporto qua:

Ischia LUGLIO:
Sono felice. Era tanto che non potevo dirlo: e cos'è
che mi dà questo intimo, preciso senso di gioia, di leggerezza?
Niente. O quasi. (...) Il senso di pace, di avventura
che mi dà l'essere in questo albergo nell'interno di Ischia,
è una delle cose che oramai la vita dà così raramente.
E' un posto dove mi pare esser sempre stato.
Mi sembra il Friuli, la Carnia, l'Emilia. Solo ogni tanto
qualche voce vicina mi ricorda che sono nel Sud.
Mi aspetta qualcosa di stupendo:
QUELLO CHE SI ASPETTA QUANDO SI E' RAGAZZI, IL PRIMO
GIORNO DI VILLEGGIATURA, E SI HA DAVANTI UN'ESTATE ETERNA.


Già...bei tempi quelli!

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…