Passa ai contenuti principali

La lunga strada di sabbia.

Oggi ero in biblioteca a cercare materiale bibliografico.
Nell'universo cartaceo da me esplorato, in quella solitudine
da vecchio frate del Nome della rosa, ho scovato
un bellissimo libro: La lunga strada di sabbia.
Si tratta di un reportage che Pier Paolo Pasolini svolse
nel 1959 per la rivista Successo. Attraversando l'Italia
su una Fiat Millecento, lo scrittore descrive le coste
italiane e le città incontrate nel suo viaggio, partendo
da Genova, passando per la Sicilia, risalendo per la
tutta la costa adriatica fino all'estremo: Venezia e Trieste.
Il servizio fu pubblicato in 3 parti.

Nel 2005 il fotografo Philippe Séclier decide di raccogliere
i dattiloscritti originali dell'autore e ristampare
unite le tre parti del reportage in un libro.
L'eccezionalità e la pregevolezza di
questa inedita edizione è corredata
con foto in bianco e nero scattate da Sèclier, seguendo
lo stesso itinerario scelto allora da Pasolini.

Il risultato è un libro di ottima fattura,
scorrevole e piacevole. Il testo giornalistico
di Pasolini è interessante perchè descrive le località
di vacanza più frequentate dagli italiani nel dopoguerra.
Il suo occhio critico s'insinua con quella sensibilità
poetica che pochi possono vantare, nelle particolarità
della nostra civiltà mediterranea, cogliendo interessanti
aspetti sociologici della popolazione.
Alcune riflessioni dello scrittore possiedono
un carattere diaristico,perciò sono gradevoli testimonianze
della sua intima personalità.
Le foto di Sèclier poi instaurano un dialogo tra passato e
presente, tra testo e immagine.
Scattate ai nostri giorni, rievocano le immagini viste
allora dal giovane Pasolini, quasi a sostenere
una certa continuità con quell'Italia di juke-box, ombrelloni,
lidi, spiagge, cabine, costumi da bagno ascellari, pattìni
e rotonde sul mare...Insomma, i mitici anni '60!














Foto P.Sèclier

Ho copiato un brano che mi ha colpito e lo riporto qua:

Ischia LUGLIO:
Sono felice. Era tanto che non potevo dirlo: e cos'è
che mi dà questo intimo, preciso senso di gioia, di leggerezza?
Niente. O quasi. (...) Il senso di pace, di avventura
che mi dà l'essere in questo albergo nell'interno di Ischia,
è una delle cose che oramai la vita dà così raramente.
E' un posto dove mi pare esser sempre stato.
Mi sembra il Friuli, la Carnia, l'Emilia. Solo ogni tanto
qualche voce vicina mi ricorda che sono nel Sud.
Mi aspetta qualcosa di stupendo:
QUELLO CHE SI ASPETTA QUANDO SI E' RAGAZZI, IL PRIMO
GIORNO DI VILLEGGIATURA, E SI HA DAVANTI UN'ESTATE ETERNA.


Già...bei tempi quelli!

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …