Passa ai contenuti principali

Professione:scrutatrice


L'avventura della scrutinatrice di seggio
è finita.Scrivo le mie impressioni a caldo
perchè appena tornata dopo una tre giorni
di schede elettorali,compilazione registri,
rapporto col pubblico votante,rappresentanti
di lista,rifondaroli,pdini,pdellini,casini,
timbri,poliziotti e vigili,colleghi simpatici,
collega insopportabile e quant'altro...

Ma come si fa a votare Iva Zanicchi?
Vorrei sapere con curiosità chi dei
votanti che mi son passati davanti abbia
avuto il coraggio di segnare la preferenza
per Iva...e ne ha presi ben 8 di voti nella
mia sezione...
Bha...
Allibisco di fronte a queste cose...

Comunque,passando al racconto delle elezioni...
Dopo il consueto svolgimento delle votazioni
e la chiusura dei seggi alle 22,si è subito iniziato
lo scrutinio per l'Europee.

La stanchezza era già tanta ma sarebbe andata a
progredire sempre più...
Una marea di iter burocratici e di firme e di registri
e di voti...Ahimè nella mia sezione ha votato il 64%
perciò le operazioni di scrutinio si sono protratte
fino alle 3.30---
Un delirio!
La gente è totalmente impazzita perchè ha avuto
l'accortezza di mettere mille preferenze sulle
schede quindi il tutto ha complicato le operazioni.
Inoltre,per migliorare la situazione già di per sè
drammatica,i candidati dei seguenti partiti:
Pd,Pdl e Rifo,supervisionavano la faccenda...
E continuavano a spaccare le palle su ogni scheda...
Questa per me è nulla,questa per me è così,colà..
blablabla---
Tant'è che le contese col presidente sono state
parecchie...
Io in tutto ciò spuntavo i registri per il conteggio
e guardavo queste scene come se fossero
in uno schermo piatto...
Totalmente alienata dai voti dei partiti...
Oggi per le Proivinciali stessa cosa,però dai
siam andati un po' più spediti!
E dopo un weekend di splendido sole e vento
passato nell'aula della scuola DeMarchi
a spiegare agli storditi come si votava,
esco finalmente dall'incubo e trovo il cielo
plumbeo.Ora piove.
E sono un po' alle cozze per desrivere sul
mio blog l'esperienza elettorale!
Comunque leggendo il tutto in modo trasversale,
mi sono divertita!
Ho imparato un po' di cose e ho fatto andare un po'
le mani ultimamente fin troppo intorpidite.
Fra 2 settimane mi sparo pure il referendum!
Olè!
Altro giro altro regalo...

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …