Passa ai contenuti principali

Il Parco della Boldona

Il sabato mattina il mondo è calmo e rilassato.
Le strade mezze vuote aspettano il passaggio
di qualche bicicletta o dei piedi liberi di qualche
signora a spasso per la città.

Il silenzio è un piacere raro che si assapora
durante i giorni festivi,quando i più se ne vanno
al mare (beati loro!).
Le finestre aperte fanno
entrare solo l'aria profumata del mattino e il
caldo del primo pomeriggio,qualche zanzara
pronta agli agguati notturni e l'estate tutta.

Il ritmo lento è un piacere che va assaporato
come una granita al limone in un parco
di luglio,mentre i bambini giocano senza mai
fermarsi,salendo e scendendo dagli scivoli come
piccoli arrampicatori del mondo.

C'era una volta una bambina che andava matta
per i giardinetti sotto casa.
Era giugno sul lago di Como e la scuola era finita,
i compiti erano ancora un lontano miraggio e
i vestiti sempre più leggeri.

Aveva le ginocchia sempre sbucciate perchè le
piaceva tanto correre ma a volte inciampava
tra le cose e patasplam!Bua.
I pomeriggi,tutti i pomeriggi
iniziavano nella casetta-bar del Pin.
La mamma la portava là per scegliere un gelato.
C'era un freezer grande,a scatola,dove poter pescare
con la mano il gelato preferito.

Entravano poi nei giardini oltrepassando un cancello
che ricordo di aver visto quasi sempre aperto.
C'erano un sacco di pini secolari alti,verdi,rumorosi,
chiacchieroni.Anche piuttosto dispettosi: a volte
lasciavano cadere in testa qualche pigna che si frantumava
a terra in mille pinoli...
C'era perciò molta ombra dove si fermavano
i nonni e i genitori.
Vi erano panchine su cui essi si sedevano e si rilassavano un po'.
A volte magari iniziavano a chiacchierare con qualcuno
e andavano avanti per ore e ore,mentre i bambini si divertivano
lì affianco.
Spesso la bambina pensava che fosse davvero impossibile
parlare per così tanto tempo.
Si chiedeva se un giorno ci sarebbe mai riuscita.
Smetteva di far pensieri sui grandi quando
saliva sull'altalena e incominciava a volare via.
In alto.Senza più la terra sotto i piedi,andava sempre
più in su...

Vi erano altalene di tutti i colori: blu,rosse,gialle,
piccole e grandi.
Prima la bambina andò su quelle piccole,
poi finalmente riuscì ad arrivare su quelle grandi.
Affianco c'era una pista rotonda in cemento bianco.
Tutt'intorno era circondata da sbarre verdi pino,
sulle quali la bambina si divertiva a penzolare a
testa in giù,credendosi una ginnasta o un'acrobata.

Vi erano poi tanti altri giochi e l'immaginazione
dei bambini rendeva quel luogo un vero e proprio
paese dei balocchi.
Sul prato vi erano margheritine e i fiori gialli di lattuga
selvatica,trifogli e qualche sporadico quadrifoglio.
Più lontano,in fondo in fondo,il prato diventava un po' incolto.
Selvatico.
Vi era l'ultima fila di altalene nane
e poi iniziava il mare d'ortiche.
Le punture di ortiche bruciano e i bambini le odiano.
Ma i bambini non conoscono la prudenza.
Più un luogo è pericoloso più ne sentono il richiamo.
L'infanzia conosce quelle sensazioni fluide
dell'avventura e del mistero,il fascino dei luoghi
strani e magici.Nei luoghi più spaventosi vedono
sempre qualcosa di bello.
Tra le antipatiche ortiche,infatti spuntavano
dei fiorellini piccoli piccoli,lilla-viola-blu che non potevano
non esser colti tanto erano graziosi,non potevano
mancare nel mazzetto di fiori raccolti per la mamma.
E allora la bambina infilava la mano
tra le ortiche per cogliere quegli occhietti di Santa Lucia
e subito sentiva la mano pizzicare fastidiosamente.

Questo capitò spesso,ripetutatemente,
perchè i bambini ci mettono un po' a farsi andare giù
le ferree regole del mondo.



Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …