Passa ai contenuti principali

Pasquetta a Milano.


Milano,Pasquetta 2008

Le strade vuote,silenziose,
taciturne.
Poche persone passeggiano senza meta
per Porta Romana in un vento freddo,
da mare forza 8.
Difficile trovare un bar aperto
per farsi un caffè con un'amica,
ma una volta trovato,bhè,non ti puoi aspettare
di scovarci dentro un paio di anzianotti
signori tutti allegri,con le guance arrossate
che cantano,suonano e se la ghignano
bevendo vinello rosso!
Uno spadroneggia al centro della scena.
E' molto imponente ed è fatto proprio
per suonare la fisarmonica,non c'è che dire!
L'altro gli sta poco a fianco,lo segue con lo sguardo,
con il ritmo e quando gli gira strimpella due note di chitarra...
Un terzo assiste,canta,getta occhiate ammicanti
verso di noi che cerchiamo
di parlar dei fatti nostri,come buone milanesi,
fingendo di non stupirci di niente.
Poi però è davvero impossibile
non dar retta a questo trio perchè
la musica è coinvolgente,impedisce di sentirsi.
Allora mi volto verso di loro,un po'spazientita,
e non so perchè,con un sorriso quasi di compassione
come se fossero bambini che giocano in un cortile.
Ad un tratto mi sento in un film.
Mentre continuo a chiedermi chi siano,
la fisarmonica mi chiede una canzone napoletana.
Mi viene in mente "'O sole mio".
E' un momento dedicato a loro che si esibiscono e che cantano allegri!

"Che bella cosa 'na jurnata e'sole/n'aria serena doppo 'na tempesta/Pe'll'aria fresca pare già na festa/Che bella cosa na jurnata e'sole!/Ma n'atu sole/cchiu'bello,oi nè/'O sole mio sta 'nfronte a te!/O'sole o'sole mio sta 'nfronte a te sta 'nfronte a te!".


Ragazzi che scena!
Certe cose non te le aspetteresti mai
di trovarle in giro!Non lo so,mi han colpito perchè
mi sembravano personaggi d'altri tempi,
quasi pittoreschi nel loro genere...
Forse non è stata una Pasquetta molto esaltante,
ma qualche chicca di fine '800
me la sono andata a scovare lo stesso.

"Suona solo per me, o violino tzigano. Forse pensi anche tu a un amore, laggiù ... Suona, suona per me pur se piango per te, oh violino tzigano!"

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…