Passa ai contenuti principali

SIDDHARTA

Era l'alba, ma ormai quello spettacolo d'incredibile fascino ed emozione per lui non era niente meno che l'inizio di un altro giorno e come tutte le mattine era lì con le cime in mano.
Non avrebbe mai creduto che questo potesse succedere.
Pensava di poter amare per sempre, pensava che le passioni nascessero con gli uomini e che li accompagnassero per il resto della loro esistenza.
Ora, invece, non sentiva più nemmeno la fatica di quella vita che aveva scelto quando ancora andava all'università e studiava filosofia.
Oramai aveva raggiunto la totale impassibilità del saggio.

Così si sistemava gli attrezzi, controllava ami ed esche e dopo aver scelto le reti meno consumate,se le metteva tutte insieme su una spalla e con il vento tra i capelli si decideva a salire su il suo 'Siddharta', un piccolo gozzo che si era comprato poco dopo il suo arrivo su quell’isola.
Accendeva il motore e quello faceva da sottofondo ai suoi pensieri così profondi da toccare il fondo di quell'esotico mare .
Puntava la prua verso l'orizzonte e osservando il suo movimento su quella distesa di infinito divenire, sentiva affiorare a galla il ricordo insistente del suo passato.
Con vaga nostalgia allora pensava alle persone che aveva incontrato in quel suo lungo viaggio intorno al mondo.

I volti delle persone gli facevano subito ricordare tutte quelle esperienze che lo avevano riempito.
Era già da un po' di tempo che faceva questi pensieri forse perché la sua anima non era stanca di conoscere o perché ormai aveva perso le sue certezze.
Si accorse però che dopo tutti quegli anni, si era dimenticato quale fosse stato il vero motivo che lo aveva portato a decidere di lasciar tutto e partire.
D'altronde era da quando gli era cresciuta la prima barba che fantasticava viaggi avventurosi in luoghi sconosciuti. Dopo aver scartato l'idea di partir per l'Erasmus per insicurezza, pensava che non avrebbe mai più avuto il coraggio di andarsene da Milano.

Invece, quando meno se lo aspettò si ritrovò su un aereo per l'Indonesia: poche valigie, tanta tristezza.
Quello che più lo sconvolgeva,mentre scartabellava tra i suoi ricordi, era di aver rimosso quel ricordo dalla sua mente.
Erano giorni che si sforzava di ricordare ciò che aveva impiegato anni a dimenticare...
Il suo mondo, il mondo delle istituzioni, dei matrimoni, dei figli, dell'arida quotidianità dopo quasi vent'anni erano solo un punto lontano sull'orizzonte...

E' il sogno di tante persone lasciare tutte queste cose,anche solo per un periodo, anche solo per evadere dalla realtà.
Per riuscire a far questo bisogna avere una motivazione forte che sconvolge l'animo, fino a renderlo solo e senza più volontà se non quella di rivoluzionare tutta la propria vita.
Pur soffrendo allora si parte, ci si lascia tutto alle spalle come se si stesse morendo e rinascendo allo stesso tempo.
Nei viaggiatori tutto questo avviene così velocemente che sembra che essi vengano rapiti da uno stato di pura incoscienza come se ci fosse una volontà superiore ad agire su di essi.
In questi la memoria gioca brutti scherzi, sembra preservare la mente,oscurando gli eventi brutti per lasciar spazio alla novità.

A lui tutto questo era successo, ma non si ricordava la ragione della sua definitiva partenza e si sentiva come un puzzle senza l'ultimo pezzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …