Passa ai contenuti principali

IL CAPPELLO A TUBA [Chapter 4]

E’ strano come,alle volte,siamo attirati da piccoli oggetti luccicanti.
A volte sono solo inganni dell’immaginazione,
altre volte sono riflessi argentei di luce.
A volte,invece,sono veri e propri
frammenti di passate realtà.

Capita spesso di rimanere ancora meravigliati davanti
a certe cose, proprio come succedeva al tempo dell’infanzia,
quando la curiosità ci portava a conoscere
gli angoli più introvabili del mondo intorno a noi.
Gli uomini però sono come isole sconosciute in mezzo ad un mare agitato: il vuoto.
Ogni persona così è un paesaggio da osservare e ascoltare profondamente.
Per capirne il senso della sua esistenza
in questa distesa ondosa di vuoto,bisogna fermarsi e
cercare di sentire il più possibile.
Ed è anche vero che non basta conoscere sé stessi
per capire il senso dell’esistenza altrui.

Ci si interessa di qualcuno che ci incuriosisce perché
veniamo attratti dalle particolarità del suo animo e
attraverso di esso scopriamo qualcosa in più anche su noi stessi.
Troviamo sempre nelle persone che stiamo conoscendo,
certe cose così piccole da non vedersi ma così luminose
da attrarci con una forza misteriosa e disorientante.
Questi luccichii sono quelli che io chiamo
frammenti di passate realtà.

Chissà quante emozioni abbiamo vissuto e
quante immagini ha immagazzinato
la nostra mente nel corso della vita?
Questo non ce lo svelerà mai nessuno.
Sappiamo però che tutto ciò che abbiamo vissuto e
che è entrato dentro di noi nel passato,
ci ha plasmato,ci ha resi come siamo nel presente.
E’ inevitabile che il passato luccichi ancora
sulla sfera del nostro presente cielo,
proprio come le stelle emanano la loro luce nell’universo,
attraverso i secoli…

Quella frase di Matilde che tanto mi stava incuriosendo e
che apriva a me un mondo sconosciuto,mi aveva fatto capire
che quegli acquarelli erano il simbolo di qualcosa che aveva
perduto nel passato e che voleva,ma non poteva,riavere.
Quegli acquerelli erano veri e propri
frammenti di passate realtà.




[to be continued...]

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …