Passa ai contenuti principali

IL CAPPELLO A TUBA [Chapter 2]

Non avevo mai sentito Matilde parlare di acquarelli fino ad allora.
Né ero mai venuta a sapere di quella sua passione infantile,
mai l’avevo sentita parlare di pittura.
Eppure doveva aver rappresentato un passaggio importante
per lei, se improvvisamente volle esordire con quella frase…
"Rivoglio gli acquarelli di quando ero piccola!”

Era una frase apparentemente insensata,ma se la disse
con quel tono aggressivo,ancor prima di avermi salutato,
forse un recondito segreto doveva pur nasconderlo.

Nel ‘Cafè du Impressionism’ c’eravamo solo
io e Matilde,quel pomeriggio.
Sorpresa e preoccupata,non potei evitare di chiederle se
si sentisse bene e se le fosse successo qualcosa di grave.
Scorgevo nei suoi brevi e bruschi gesti che era affannata
e molto contrariata.

Allora Matilde chiese un caffè al buon Mario,il barista
e per un attimo sul nostro tavolino scese un’imbarazzante silenzio.
Fu la calma prima della tempesta!

Quando arrivò il caffè,infatti,Matilde scoppiò a piangere.
Mi stupì vederla con gli occhi pieni di lacrime azzurre e pesanti.

Matilde aveva solo tanta voglia di innamorarsi.
Quella sua innocenza nel rivelarmi il desiderio di voler incontrare
una persona speciale,mi faceva molta tenerezza.
Eppure avrebbe dovuto solamente alzare il viso pieno di lacrime
per accorgersi che l’uomo della sua vita era appena entrato in quel bar.

Egli non sarebbe passato facilmente inosservato a chiunque!
Infatti indossava un capello a tuba nero,in stile ottocentesco
che era una rara eccezione per la moda di quei tempi.
Matilde aveva una sfrenata passione per gli uomini che indossavano cappelli a tuba.


[to be continued...]

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …