Passa ai contenuti principali

IL CAPPELLO A TUBA [Chapter 2]

Non avevo mai sentito Matilde parlare di acquarelli fino ad allora.
Né ero mai venuta a sapere di quella sua passione infantile,
mai l’avevo sentita parlare di pittura.
Eppure doveva aver rappresentato un passaggio importante
per lei, se improvvisamente volle esordire con quella frase…
"Rivoglio gli acquarelli di quando ero piccola!”

Era una frase apparentemente insensata,ma se la disse
con quel tono aggressivo,ancor prima di avermi salutato,
forse un recondito segreto doveva pur nasconderlo.

Nel ‘Cafè du Impressionism’ c’eravamo solo
io e Matilde,quel pomeriggio.
Sorpresa e preoccupata,non potei evitare di chiederle se
si sentisse bene e se le fosse successo qualcosa di grave.
Scorgevo nei suoi brevi e bruschi gesti che era affannata
e molto contrariata.

Allora Matilde chiese un caffè al buon Mario,il barista
e per un attimo sul nostro tavolino scese un’imbarazzante silenzio.
Fu la calma prima della tempesta!

Quando arrivò il caffè,infatti,Matilde scoppiò a piangere.
Mi stupì vederla con gli occhi pieni di lacrime azzurre e pesanti.

Matilde aveva solo tanta voglia di innamorarsi.
Quella sua innocenza nel rivelarmi il desiderio di voler incontrare
una persona speciale,mi faceva molta tenerezza.
Eppure avrebbe dovuto solamente alzare il viso pieno di lacrime
per accorgersi che l’uomo della sua vita era appena entrato in quel bar.

Egli non sarebbe passato facilmente inosservato a chiunque!
Infatti indossava un capello a tuba nero,in stile ottocentesco
che era una rara eccezione per la moda di quei tempi.
Matilde aveva una sfrenata passione per gli uomini che indossavano cappelli a tuba.


[to be continued...]

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …